ragazzi di strada

La Casa Don Bosco ha come vocazione principale l’accoglienza di bambini e bambine, adolescenti, che abitano nella strada e accudisce giornalmente più di 150 bambini e adolescenti in situazione di estremo rischio sociale.

Porto Alegre pur essendo una ricca città del Sud del Brasile, presenta dei gravi e profondi problemi sociali. Soprattutto il problema dei ragazzi di strada, dovuto principalmente alla mancanza di efficienti politiche sociali e famigliari. Il tutto diventa ancora più grave a causa della criminalità molto diffusa nella città.

Il centro LAR Dom Bosco ha come priorità rafforzare i legami famigliari dei bambini e adolescenti che lo frequentano, tentando di ricreare un ambiente sano per poter far emergere le qualità di ognuno ed indirizzarle verso un proficuo percorso formativo futuro.

Il centro si compone di 4 attività per raggiungere il suddetto scopo

Attività pedagogiche e sportive per i bambini dai 4 ai 14 annipedagogiche e sportive per i bambini dai 4 ai 14 anni
Corsi di formazione in informatica e panificazione per gli adolescenti dai 14 -18 anni
Corsi di formazione professionale ed inserimento nel mondo del lavoro per i giovani dai 16 ai 24 anni. Corsi di informatica, panificazione, manicure e ristorazione.
Assistenza igienico-sanitaria ed alimentare.
L’obiettivo specifico dell’inserimento nel mondo del lavoro di almeno il 10% dei frequentati i corsi di formazione (informatica, panificazione, manicure e ristorazione). E’ stato ampiamente raggiunto e superato, si è attestato attorno al 15%. In apparenza sembrerebbe un risultato esiguo, ma bisogna considerare che chi frequenta il LAR Dom Bosco, è un ragazzo/a con svariati problemi sociali e purtroppo è molto difficile portare a buon fine un percorso di miglioramento delle proprie condizioni di vita. Le variabili negative sono molte, in primis la criminalità che circonda il mondo giovanile di Porto Alegre.

L’evento Corsa dei Santi 2012 ha raccolto 52.300 euro e sono serviti a finanziare le seguenti attività del progetto: acquisto di materiale didattico, cibo, finanziamento corsi pedagogici, assistenza medica, pagamento bollette dell’elettricità e dell’acqua, ed infine interventi di ristrutturazione dell’edificio.

relazione finale
Relazione Finale

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo