aiuto ai confini del mondo

Le Isole Salomone sono praticamente ai confini del Mondo. In apparenza sembrerebbero un posto paradisiaco, grazie alle sue spiagge ed al suo clima, ma in realtà hanno molti problemi. Sono un arcipelago vastissimo e questa distanza fra le varie isole comporta una difficoltà oggettiva nel garantire i servizi primari, come l’assistenza sanitaria. Infatti esistono solamente due ospedali in tutto l’arcipelago, che si trovano nell’isola principale, Guadalcanal.L’ospedale nazionale ed il “Good Samaritan Hospital” costruito da Mons. Capelli con l’aiuto della sua piccola Onlus, l’AMIS (Amici missione isole salomone). Il prossimo obiettivo è quello di creare un nuovo presidio sanitario, soprattutto per contrastare la Bakwa (grave micosi cutanea) nelle isole più sperdute dell’Arcipelago, le Shortlands.

Il nostro progetto è incentrato sul riconoscimento del diritto alla salute, che trova un ovvio riscontro nel diritto internazionale: nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo Art 25: "... Ogni indivuduo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'alimentazione, al vestiario, all'abitazione ed alle cure mediche, e ai servizi sociali necessari."

L’obiettivo specifico del progetto prevede il contrasto efficace delle 4 malattie (Bakwa, HIv, Malaria e TBC). Tramite corsi di prevenzione presso le varie comunità delle isole Shortlands, e l'acquisto di un'idroambulanza per il pronto soccorso. I corsi verranno tenuti da 20 tutor medici precedentemente formati. Il progetto sarà riuscito se nell'arco di 2 anni saremo riusciti a ridurrre le 4 malattie del 40% nelle isole Shortlands.

Scheda del progetto

“Un aiuto ai confini del mondo”
Isole Salomone

1. Titolo dell’iniziativa: Progetto di prevenzione sanitaria.

2. Obiettivo generale: Tutela della salute.

3. Obiettivo specifico: Contrastare la Bakwa (grave micosi cutanea), HIV, Malaria e TBC.

4. Contenuto dell’intervento:

Formazione di 20 tutor medici
Corsi informativi sulla prevenzione della Bakwa, HIV, Malaria e TBC.
Presidio sanitario mobile, per portare le cure nelle isole più distanti.

5. Località dell’intervento: Isole Shortlands, arcipelago settentrionale delle Isole Salomone.

6. Promotore dell’iniziativa: Fondazione DON BOSCO NEL MONDO.

7. Autore dell’iniziativa: S.E. Mons. Luciano Capelli e AMIS Onlus.

8. Beneficiari diretti: Popolazione delle Isole Shortlands.

9. Contesto generale

Le Isole Salomone sono praticamente ai confini del mondo. In apparenza sembrerebbe un posto paradisiaco, grazie alle sue spiagge ed al suo clima, ma in realtà ci sono diversi problemi. Si tratta di un arcipelago vastissimo e la distanza fra le varie isole comporta una difficoltà oggettiva nel garantire i servizi primari, prima fra tutte l’assistenza sanitaria. Infatti esistono solamente due ospedali in tutto l’arcipelago, che si trovano nell’isola principale, Guadalcanal: l’ospedale nazionale ed il “Good Samaritan Hospital” costruito da Mons. Capelli con l’aiuto della sua piccola Onlus, l’AMIS (Amici missione isole salomone). Il prossimo obiettivo è quello di creare un nuovo presidio sanitario, soprattutto per contrastare la Bakwa (grave micosi cutanea) nelle isole più sperdute dell’Arcipelago, le Shortlands.

10. Giustificazione del progetto

Il nostro progetto è incentrato sul riconoscimento del diritto alla salute, che trova un ovvio riscontro nel diritto internazionale:
Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo:

Art.25 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'alimentazione, al vestiario, all'abitazione, e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari.

Patto relativo ai diritti economici, sociali e culturali:

Art. 12 1.Gli Stati parti del presente Patto riconoscono il diritto di ogni individuo a godere delle migliori condizioni di salute fisica e mentale che sia in grado di conseguire.
2. Le misure che gli Stati Parti del presente Patto dovranno prendere per assicurare la piena attuazione di tale diritto comprenderanno quelle necessarie ai seguenti fini:

a) la diminuzione del numero dei nati-morti e della mortalità infantile, nonché il sano sviluppo dei fanciulli;

c) la profilassi, la cura e il controllo delle malattie epidemiche, endemiche, professionali e d'altro genere;
d) la creazione di condizioni che assicurino a tutti servizi medici e assistenza medica in caso di malattia;

Attività del progetto
L’obiettivo specifico del progetto prevede il contrasto efficace delle 4 malattie (Bakwa, HIv, Malaria e TBC) tramite corsi di prevenzione presso le varie comunità delle Isole Shortlands e l’avviamento di un presidio mobile per la cura ed il pronto soccorso.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo